EL MATADERO a Madrid, un centro di creazione contemporanea

0
936
EL MATADERO a Madrid

El Matadero a Madrid è un centro di creazione culturale, un luogo in cui si dà spazio alla formazione artistica e alla creazione di diverse forme d’arte.

Quando entri al El Matadero ti trovi immerso in una realtà nuova e magica, in cui ti senti vivo e pieno di energia.

El Matadero di Madrid è un punto d’incontro tra gli artisti e il pubblico, una realtà offerta a tutti per riflettere, divertirsi e imparare qualcosa in più sull’attuale mondo socioculturale, attraverso ogni forma d’arte (arti visive e sceniche, letteratura, architettura, disegno, cinema, moda…).

E’ un luogo aperto sia agli artisti, per dare loro opportunità nuove di creazione e di lavoro, sia a tutti i cittadini perché possano usufruire delle diverse espressioni dell’arte.

 

Gli spazi de EL MATADERO di Madrid

E’ facile perdersi una volta entrati nel Matadero.

el matador madrid

Pensate che quando fu iniziata la sua costruzione nel 1911 e inaugurato nel 1924, era composto da ben 48 edifici per un totale di poco più di 165.000 metri quadrati! Allora veniva usato come mattatoio e mercato.

Attualmente sono accessibili svariati edifici molto ampi e dispone anche di luoghi comuni all’aria aperta. Ecco solo alcuni degli spazi dove oggi è possibile partecipare alle diverse attività:

  • La casa del lector, dove sono organizzati divertenti laboratori per bambini e ragazzi;
  • Cineteca, dove vengono proiettati documentari, cortometraggi, cartoni;
  • Factoría cultural (fabbrica culturale) con laboratori teatrali, di informatica, di storytelling, di decision thinking…;
  • Extensión AVAM, spazio di arti visive;
  • Naves Matadero. Centro internacional de artes vivas, con realizzazione di mostre fotografiche, spettacoli musicali e teatrali.

I laboratori per bambini de El Matadero di Madrid

Al suo interno vengono organizzate anche diverse attività ludiche e culturali rivolte ai piccoli e alle loro famiglie. Di seguito vengono descritti alcuni laboratori realizzati di recente:

  • Musica per neonati;
  • Letture per bambini dai 6 mesi ai 3 anni;
  • “Leggiamo in inglese”, rivolto ai bambini dai 3 ai 5 anni;
  • Lettura e tecnologia;
  • Andare in bicicletta.

Per i più grandi invece…

  • Laboratorio di robotica educativa per imparare a costruire in modo creativo i robot;
  • Creazione letteraria e pubblicazione di un libro collettivo.

Opportunità da El Matadero

Il Matadero è un posto dove si possono conoscere persone  anche attraverso il volontariato, ad esempio partecipando al progetto “Al Matadero sin miedo” (“Al Matadero senza paura”), un laboratorio attivo dal 2016 in cui l’obiettivo principale è quello di relazionarsi con le persone con disabilità intellettiva per aiutarle ad integrarsi attraverso le arti (la musica, il ballo e la pittura).

Se sei un artista,ti piacerebbe diventarlo o hai qualche idea, questo è un ottimo spazio per poter creare, esporre e conoscere altri artisti come te.

Se sei un cittadino e soprattutto ti sei da poco trasferito a Madrid,  questo luogo è una buona opportunità per conoscere nuove realtà e nuove persone.

Infatti puoi partecipare non solo alle diverse attività culturali, ma anche a incontri su diverse tematiche e a progetti per migliorare alcuni aspetti di Madrid, come ad esempio per rivalutare alcuni spazi della città.

Ed anche i più piccoli possono partecipare… anche a loro è data l’opportunità di conoscere altri bambini e crescere attraverso l’arte e il gioco.

Previous articleI 10 migliori ospedali spagnoli. C’è l’ospedale “La Fe” di Valencia
Next articleUno sguardo panoramico sulla scuola spagnola dal Regime di Francisco Franco (1939 – 1975) ad oggi.
Gilda Picchio
Mi sono laureata in Psicologia Clinica ad Urbino e attualmente mi sto formando per diventare psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Mi sono innamorata della Spagna grazie ad una vacanza a Barcellona, all'età di 19 anni. Dal ritorno da quel viaggio sapevo che, terminata l'università, mi sarei trasferita in qualche città spagnola. Ho vissuto a Salamanca, a La Pineda (Tarragona) e due anni nella splendida città di Madrid, dove ho avuto l'opportunità di lavorare con bambini con difficoltà a livello familiare e sociale e dove ho frequentato un master sull'autismo. Ora vivo in Italia dove lavoro anche con persone richiedenti asilo e rifugiati. Tre anni fa ho intrapreso un bellissimo ed emozionante viaggio in moto, partendo da Barcellona sino ad arrivare al sud della Spagna e mentre lasciavo Granada, con le lacrime agli occhi, ho provato il rimpianto di non averci vissuto. Una parte del mio cuore rimarrà quindi sempre legata alle città di Madrid e di Granada. Mi è sempre piaciuto lavorare nel sociale, conoscere nuove persone e storie di vita e viaggiare... "Una volta che hai viaggiato, il viaggio non finisce mai, ma si ripete infinite volte negli angoli più silenziosi della mente. La mente non sa separarsi dal viaggio. - Pat Conroy"

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here