Malaga città amica dell’infanzia per l’UNICEF

0
945
Malaga città amica dell’infanzia per l’UNICEF

Malaga è stata proclamata Città Amica dell’Infanzia, da parte dell’UNICEF, dal 2010

Quando si pensa a Malaga le prime cose che vengono in mente sono il sole e le spiagge, ma Malaga non è semplicemente una città per vacanze è anche il capoluogo dell’omonima regione, ha un porto internazionale, un parco tecnologico ed è la capitale culturale ed economica della Costa del Sol.

Pensa che già nel 2008 aveva ricevuto una menzione speciale per il suo impegno nelle politiche infantili.

Con questo riconoscimento l’UNICEF ha voluto segnalare i municipi che s’impegnano per l’applicazione della Convenzione sui Diritti del Bambino.

Il comune di Malaga è stato uno dei pionieri ad approvare all’unanimità nel 1995 la Carta Municipale dei Diritti del Bambino che prevedeva la creazione di una Commissione per l’Infanzia, di tavoli di lavoro divisi per distretti e di un Consiglio Settoriale di Bambini e Bambine.

L’UNICEF vuole premiare le entità locali che fomentano la partecipazione infantile, che posseggono un quadro giuridico a favore dell’infanzia e che sostengono organizzazioni che difendono i diritti dei bambini.

Le entità locali devono presentare una serie di caratteristiche basilari e fondamentali per poter ricevere questo riconoscimento nazionale:

  • la presenza di politiche municipali per lo sviluppo dell’ambito infantile,
  • la creazione di piani per l’infanzia,
  • il lavoro in rete per lo scambio di informazioni e la promozione della partecipazione dei bambini stessi attraverso assemblee e consigli settoriali.

L’obiettivo è dare voce pubblica ai bambini sostenendoli attraverso dei meccanismi di partecipazione alle decisioni comunali e per contribuire allo sviluppo di una città più vivibile.

Il riconoscimento viene rinnovato o revocato ogni 4 anni nel momento in cui continuino o cessino di sussistere i suddetti capisaldi e l’impegno attivo da parte del comune.

Il sindaco di Malaga, Francisco De la Torre, ha sottolineato l’importanza di questo riconoscimento, la difficoltà per ottenerlo dati i requisiti e la necessità di continuare a lavorare seguendo questa linea per mantenerlo.

Ha anche ricordato che questo riconoscimento è per una politica mantenuta da anni in questa materia, oltre ad essere uno stimolo per continuare su questa strada e un orgoglio per la città.

Circa 700 bambini e ragazzi tra gli 8 e i 16 anni sono coinvolti come consiglieri comunali infantili in dibattiti che riguardano la vita della città e che hanno luogo mensilmente in diversi quartieri malagueñi.

Duranti questi dibattiti ai ragazzi vengono forniti gli strumenti per arrivare a presentare le proprie proposte e richieste al governo municipale.

Programmi come questo permettono di aumentare la consapevolezza, il senso civico, di responsabilità e il coinvolgimento dei propri cittadini nella gestione e politica cittadina.

Malaga è stata, quindi, pioniera a sviluppare un coinvolgimento politico e sociale rivolto ai più piccoli e si è confermata come un modello da imitare per altre città spagnole.

Per ricordare a tutti i malagueñi e ai visitatori l’impegno della città in questo importantissimo programma sono stati infissi ben 20 cartelli dislocati per tutta Malaga e il sindaco De la Torre ha sottolineato che questi cartelli sono il segnale del compromesso della città malagueña con l’infanzia non solo fino al 2018.

Avete ancora dubbi su questa splendida città? Cosa state aspettando per trasferirvi con i vostri figli a Malaga? 😉

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here