3 consigli per trovare casa a Malaga ed in Costa del Sol

0
3357

Trovare casa a Malaga ed in Costa del Sol? L’ho sperimentato sulla mia pelle ed in questo post ti fornisco 3 preziosi consigli!

Di cosa si ha bisogno quando ci si trasferisce in una nuova città? Per prima cosa un tetto sotto il quale vivere. Anche se in costa del sol il sole splende per più di 300 giorni all’anno e le temperature non scendono mai oltre una certa soglia non è possibile vivere come naufraghi in spiaggia alla stregua di Tom Hanks nel film Cast Away. Una delle prime cose da fare per organizzare il proprio sbarco è quella di cercare una casa.

Quando ci si trasferisce da soli la possibilità di adattamento è molto più ampia ma se ci si trasferisce con la famiglia bisogna tenere in considerazione anche le esigenze dei figli e cercare spazi più grandi. Non è pensabile condividere la casa con altri coinquilini in stile Erasmus (anche se ai figli adolescenti potrebbe non dispiacere l’idea ;P) ma, naturalmente, sarà necessario trovare una soluzione adatta a tutto il nucleo famigliare.

Se almeno uno dei membri della famiglia ha un contratto di lavoro o percepisce dei redditi che possano documentare un certo introito non ci saranno problemi nell’affittare una casa tramite un’agenzia o un privato, nel caso in cui si partisse all’avventura senza questa certezza allora la situazione diventerebbe più complessa.

Ormai tutti i locatori chiedono delle garanzie per non trovarsi in spiacevoli situazioni. Come dargli torto… voi affittereste casa vostra a qualcuno che non ha un lavoro e dopo un mese magari potrebbe già smettere di pagarvi l’affitto? Credo di no. Anche perché poi sono rogne che durano parecchio tempo, non è così semplice e rapido far uscire l’insolvente, di conseguenza perché andare a rischiare? Quindi anche in Spagna, come in Italia vi chiederanno di dimostrare di poter pagare l’affitto.

I prezzi e le soluzioni abitative variano molto da città a città e anche all’interno della stessa città variano in base ai barrios (quartieri). Il centro storico e i quartieri più di moda o con maggiori servizi normalmente sono i più cari. Nella mia esperienza di vita iberica mi sono resa conto che, comunque, prezzo più alto non vuol dire assolutamente qualità migliore (assioma applicabile in qualsiasi campo sperimentato). State molto attenti perché spesso la qualità è scarsa ma la faccia tosta per chiedere un indegno prezzo abbonda.

Nella mia esperienza ho sempre trovato molto utile confrontarmi con la mia rete di amicizie in loco per capire come fosse la situazione reale e come muoversi in maniera più efficace, quindi il mio suggerimento è di appoggiarvi molto a chi conoscete personalmente in Spagna. Per me sono stati una risorsa molto importante, senza il loro aiuto avrei fatto moltissima più fatica a espatriare.

Quando sono arrivata a Malaga sono stata ospitata da un’amica fino a quando non ho trovato la sistemazione giusta per me. Ci ho messo 3 settimane a trovarla perché, come vi dicevo prima, ho visto veramente tante porcherie fino a quando non ne ho trovata una che ho sentito di poter chiamare CASA. <3

Per aiutarvi nella ricerca della vostra casa in Costa del Sol ho intervistato l’architetto Andrè Balz che vive e lavora a Malaga da 14 anni presso lo studio Bühler & Partners per avere i 3 consigli fondamentali per poter scegliere la propria casa in costa del sol.

3 consigli per trovare casa a Malaga ed in Costa del Sol

ANDRÉ, SO CHE TI SEI TRASFERITO A MALAGA NEL 2004, QUINDI HAI VISTO QUESTA CITTA’ E TUTTA LA COSTA DEL SOL CAMBIARE NOTEVOLMENTE NEGLI ULTIMI ANNI E CON ESSE IL MERCATO IMMOBILIARIO. DOVE CONSIGLI DI CERCARE CASA A CHI SI ACCINGE A TRASFERIRSI A MALAGA O IN COSTA DEL SOL ORA?

Dunque, le città più grandi (Malaga in primis) e soprattutto il centro storico e alcuni quartieri residenziali centrali sono più cari rispetto alla periferia e alle zone più rurali. Negli ultimi anni i prezzi in queste zone sono cresciuti in maniera esponenziale per via dell’ esplosione degli affitti vacanzieri (AirBnB, ecc…) che hanno drasticamente ridotto la fetta di mercato immobiliare disponibile per gli affitti residenziali a lungo termine e fatto aumentare, di conseguenza, il prezzo.

Se non ci sono vincoli per la scelta della zona (ad esempio per comodità con la sede del lavoro) le città dove attualmente si vive meglio e i prezzi sono più contenuti sono Rincon de la Victoria e Velez-Malaga. Queste due cittadine comunicano con Malaga con una linea di autobus e sono meno affollate di turisti durante l’estate. Hanno tutti i servizi fondamentali e sono direttamente sul mare, quindi godono di spiagge libere e il clima che si respira è quello di essere un po’ in vacanza tutto l’anno.

Chi preferisse la tranquillità della campagna e desiderasse vivere in una casa più isolata rispetto alla città, internamente rispetto al Rincon de la Victoria troviamo la zona chiamata Axarquia che offre molte case a buon prezzo ma bisogna stare attenti perché la maggior parte non hanno tutti i permessi in regola, quindi, soprattutto se volete comprare e ristrutturare chiedete una consulenza per analizzare tutta la documentazione.

Per chi preferisse la costa occidentale, ovvero la zona di Marbella, il prezzo delle case e il costo della vita aumentano sensibilmente. Chi sceglie questa zona di solito ha possibilità economiche e un tenore di vita più elevato rispetto alle altre zone della costa del sol. Questa zona è prediletta da molti stranieri tra cui russi, arabi, inglesi ed è molto densa di scuole private anche bilingue.

La zona di Frigiliana e Nerja contano di una presenza massiccia di stranieri che vivono tutto l’anno nella zona (come Marbella) ma i prezzi sono più contenuti e i paesaggi incantevoli, tanto che Nerja si è conquistata il titolo di Balcone d’Europa.

Le città di Torremolinos, Benalmadena e Fuengirola sono, invece, caratterizzate da un turismo più stagionale e sono più tranquille durante l’inverno.

 

GRAZIE PER QUESTA PANORAMICA SULLE POSSIBILITA’ IN COSTA DEL SOL. A LIVELLO PRATICO CHE CONSIGLI PUOI DARE A CHI SI VOLESSE TRASFERIRE IN COSTA SOL?

Innanzitutto, se non si conosce già bene la zona meglio iniziare con un affitto, in modo da avere la libertà di spostarsi in altre zone nel caso in cui non si fosse soddisfatti della propria scelta.

Per la ricerca della casa potete affidarvi alle pagine web più conosciute come IDEALISTA, PISOS.COM, ENALQUILER, FOTOCASA, MILANUNCIOS, ecc… ma vi raccomando caldamente di andare sempre a vedere dal vivo la casa (o mandare qualcuno a fare un’ispezione, che possa essere un amico che si trovi in loco o un architetto). Questo perché la maggior parte delle volte le foto non sono totalmente veritiere e in generale la qualità della maggioranza delle case costruite in passato è piuttosto scadente e nel centro sono molto vecchie.

È, quindi, necessario capire il reale stato della casa: presenza di crepe, impianti e tubature vecchi, problemi strutturali, dove si affaccia, la condizione del patio interno, se è luminosa o buia, se non ha ascensore. Bisogna, inoltre, porre un occhio di riguardo in più se si sceglie un piano basso per la possibile presenza di cucarachas, umidità che arriva dal basso e per la privacy ridotta se le finestre guardano direttamente sulla strada, come per l’ultimo piano perché spesso l’isolamento del tetto è scadente e può entrare acqua piovana (anche se non piove molto, spesso succede che le piogge si concentrino in maniera abbondante in pochi giorni sparsi durante l’anno). La vista però, dai piani più alti normalmente è mozzafiato!

È importante valutare anche il quartiere o la strada dove si trova la casa perché alcune più di altre potrebbero essere rumorose tutto il giorno o la notte per la presenza di ristoranti o discoteche, zona di passaggio dei troni nella semana santa (vedi l’articolo sulla semana santa a Malaga, come sopravvivere) o zone di microcriminalità o pericolose. Insomma, tenete occhi e orecchie aperte.

Se passerete attraverso un’agenzia immobiliare per le pratiche sappiate che normalmente per entrare è necessario pagare il primo mese d’affitto, almeno una mensilità come garanzia che verrà poi restituita all’atto della recessione del contratto e una mensilità per l’agenzia.

Ormai tutti i proprietari chiedono referenze e affittano solo a chi possa garantire il pagamento costante dell’affitto, quindi vi verrà chiesto che tipo di contratto di lavoro avete e quanto guadagnate, oltre al NIE.

GRAZIE MILLE ANDRÉ. E UN ULTIMO CONSIGLIO PER CHI, INVECE, VOLESSE COMPRARE CASA?

Consiglio a chi volesse comprare di affidarsi ad un architetto per effettuare un’ispezione della casa e un’analisi della documentazione perché spesso ci sono difetti nascosti, problematiche strutturali (a volte anche gravi, quindi difficilmente risolvibili con una ristrutturazione) e parti costruite abusivamente, quindi senza i permessi adeguati che gli agenti immobiliari e i proprietari dell’immobile omettono di menzionare. Piuttosto che rischiare d’incappare in queste situazioni poco piacevoli è meglio interpellare un esperto serio ed esterno per effettuare questo tipo di verifiche preventivamente ed evitare di dover poi far causa e trovarsi, comunque, insoddisfatti.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here