Gravidanza a Tenerife

0
711
Gravidanza a Tenerife

Ti racconto il mio punto di vista sul portare avanti una gravidanza a Tenerife, come ogni gravidanza expat può avere qualche insidia in più, ma Tenerife… beh… Tenerife… 😉

Quando si è nel pieno di una gravidanza ci si rende conto che qualcosa è iniziato molto prima di vedere un test che confermi di essere realmente incinta: emozioni, pensieri, sogni, desideri, iniziano molti mesi o addirittura anni, prima.

Poi un fisico che cambia ed una nuova vita che cresce dentro di te… nel frattempo ci sono vari esami e vaccini da seguire.

La gravidanza a Tenerife: controlli medici

A Tenerife si seguono le regole spagnole ed esistono due tipologie di controlli medici:

  1. la “seguridad social che corrisponde alla nostra mutua per intenderci e
  2. il “seguro privado, che è un’assicurazione privata.

Con la “seguridad social” in tutta la gravidanza si fanno 3 controlli ostetrico-ginecologici.

Esiste la figura della “tocologa” o del “tocologo”, che a partire dal terzo mese di gravidanza effettua le varie ecografie, tra cui la eco selectiva”, corrispondente alla nostra morfologica.

Si svolgono analisi varie, con frequenza trimestrale e viene offerta la figura della “matrona” (infermiera specializzata in ostetricia), che svolge controlli mensili come supporto, controllando peso, esiti esami, dando indicazioni informative sulle evoluzioni della gravidanza e alimentazione, mettendosi a disposizione per domande o dubbi.

Inoltre il medico di base rimane a coordinamento del tutto e disponibile per le varie necessità. Il privato offre controlli ecografici da un ginecologo, mensilmente ed esami trimestrali se si sceglie di non farli nel pubblico.

Si può anche scegliere di essere seguiti solo dal pubblico o sia dal pubblico che dal privato, ma se si ha una “seguridad social” (non appena ci si “dá de alta” come lavoratore autonomo o come dipendente, viene attivata, con pagamenti mensili) è quasi inevitabile passare dal pubblico, poiché di privati che si occupano del parto ce n’è uno solo e non completamente attrezzato per eventuali rischi o imprevisti rischiosi. E qui a Tenerife è solo l’hospital universitario Nuestra senora de la Candelaria a Santa cruz de Tenerife attualmente, la struttura pubblica che si occupa dei parti.

Se tuttavia si affronta una gravidanza a Tenerife senza ancora essere iscritti a una “seguridad social” si può utilizzare la carta regionale dei servizi italiani con la quale si può essere seguiti sempre nel pubblico, o pagare ogni visita nel privato.

Gravidanza a Tenerife, tra emozioni ormoni e pensieri

Eccoci alla parte più delicata di una gravidanza: l’aspetto psico emotivo che ogni donna può vivere con una soggettività incredibile.

Il bombardamento ormonale fa la sua parte e inevitabilmente destabilizza, provocando sbalzi d’umore, vulnerabilità emotiva e facile irritabilità.

Possono nascere paure, ansie, preoccupazioni sul buon esito della gravidanza, sullo stato di salute del proprio figlio/a o di noi stesse, così come si creano fantasie inizialmente sul sesso del nascituro/a, poi su come sarà, a chi somiglierà, se saremo in grado di diventare genitori, come lo saremo, come cambierà la nostra vita personale e di coppia, le nostre abitudini.

Dubbi, domande, immaginazioni, sogni, un pout-pourri incredibile di sensazioni ci accompagna quotidianamente.

Avendo cambiato paese in cui vivere veniamo travolte anche da ulteriori contenuti legati ai nostri aspetti psico emotivi.

Pensiamo alla rete di amici o di supporti che possiamo avere durante e dopo la gravidanza, alla famiglia e amici lasciati in Italia, alla co-gestione dell’essere mamme e donne in un contesto sociale dove, forse non ci siamo ancora costruite un’identità solida, che avevamo in Italia, alla fiducia nei medici che in alcuni casi non conosciamo da molto tempo o che spesso a Tenerife cambiano repentinamente.

Quanta sicurezza che necessitiamo allora nelle nostre singole forze, nelle nostre capacità di scegliere e di selezionare!!!

Arriva anche qui il momento in cui, in un modo o nell’altro, dobbiamo dimostrare di avere fiducia, quella fiducia vera e profonda in noi stesse e nella vita che stiamo vivendo!!!

Ecco che internet diventa uno dei nostri migliori compagni, offrendoci alcune applicazioni e social network che ci fanno sentire più vicine ai nostri affetti lontani, nonché motori di ricerca che tolgono alcuni dubbi, ci favoriscono approfondimenti di informazioni o, ancora meglio, possono offrirci spunti per cercare luoghi di incontro con altre donne incinte.

Esistono ad esempio corsi di yoga “para mujeres embarazadas”, corsi pre parto o gruppi di conversazione in Facebook, di donne incinte.

Poi c’è la lingua spagnola che possiamo conoscere bene o invece essere ancora alle prime armi nel maneggiarla e che per svolgere visite mediche efficaci e per socializzare “hablando” di un tema specifico diventa ancora più importante di prima.

Poi, poi, poi……

 

Poi c’è il mare……

Eh sì, il mare, con un clima straordinario dove la temperatura non scende quasi mai sotto i 22 gradi di giorno, posti dove c’è la possibilità di fare camminate a maniche corte durante tutti i mesi dell’anno, turisti sorridenti provenienti da tutto il mondo, che ti danno una sensazione di leggerezza anche se stai ancora lavorando a poche settimane dal parto e….

c’è quella immensa ricchezza di culture sincronizzate temporaneamente sulla stessa frequenza, che ti danno la consapevolezza che non esisterà mai un solo stile educativo per il/la tuo/a bambino/a, ma avrai sempre quella libertà di scegliere il Tuo!!!

E così l’attesa diventa magia 🙂

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here